Skip to main content

Digital Tourism Hub: il futuro del turismo è digitale

Il Superbonus Turismo, contenuto all’interno del PNRR e promosso dal ministero del Turismo, tra le spese ammissibili relative agli interventi di digitalizzazione, comprende anche le spese per l’acquisto di licenze software necessarie per il collegamento all’hub digitale del turismo.
Le risorse stanziate per il turismo dal PNRR sono 2,4 miliardi e 114 milioni saranno spesi proprio per attivare il Digital Tourism Hub.

Ma che cos’è questo Digital Tourism Hub?

L’obiettivo di questo progetto è creare un Polo del Turismo Digitale, accessibile attraverso una piattaforma web dedicata, che permetta di collegare l’intero ecosistema turistico al fine di valorizzare e promuovere la propria offerta. Gestendo con efficacia i dati si potranno costruire anche delle esperienze di viaggio interamente su misura.
Questa piattaforma mira a dare vita ad un meccanismo capace di dialogare con le realtà locali. In questo modo il turista potrà avere accesso ad un contenitore unico della filiera turistica nazionale.

Tre linee d’intervento

L’investimento si compone di tre linee di intervento:

  • Ottimizzazione del portale Italia.it, promosso da ENIT – L’Agenzia Nazionale del Turismo – migliorandone anche l’interfaccia utente. Il portale già esistente verrà integrato con maggiori informazioni, ampliando i servizi a disposizione del visitatore e delle guide turistiche, creando contenuti tematici rivolti a specifiche persone sviluppando target di nicchia e migliorando la visibilità con i canali social.
  • Sviluppo di un data lake e adozione di modelli di intelligenza artificiale per analizzare i dati sul comportamento online degli utenti e dei flussi turistici.
  • Creazione di un “Kit di supporto per servizi digitali di base”, ovvero un sistema informativo per la promozione e gestione delle attività turistiche, specialmente a beneficio degli operatori turistici di piccole e medie dimensioni nelle zone più arretrate del Paese.

La Strategia del Digital Tourism Hub

La strategia relativa al Digital Tourism Hub è stata delineata dal ministro del turismo Massimo Garvaglia che ha affermato: “Sulla digitalizzazione abbiamo 114 milioni destinati a rifare il portale Italia.it, l’Hub Digitale del Turismo, che è più di un semplice portale: deve essere uno strumento di competitività del sistema Paese. I lavori sono iniziati ed entro l’estate, avremo la prima release sostanziale del portale. L’obiettivo del PNRR è a fine 2024, il nostro obiettivo è entro quest’anno”.
Il progetto mira a coinvolgere almeno il 4% degli operatori turistici nell’Hub del turismo digitale entro dicembre del 2024 al fine di migliorare l’offerta nazionale.

Quali sono i benefici?

I benefici che l’implementazione di questa piattaforma web porterà al settore turistico italiano sono di diverso tipo:

  • Miglioramento e ampliamento dell’offerta turistica
  • Incremento dell’attrattività turistica
  • Agevolazione del lavoro degli addetti del settore
  • Aumento dei flussi di turismo e quindi miglioramento dell’occupazione nel settore.
  • Grazie alla raccolta dei dati questa piattaforma permetterà agli operatori del settore di conoscere in anticipo i flussi turistici futuri in modo tale da prepararsi al meglio a gestire la domanda.

 

Anche Cora permette di scaricare report precisi e dettagliati riguardanti le utenze, le manutenzioni
e le forniture, così da avere sempre sotto controllo i livelli di qualità dei servizi offerti dalla struttura ricettiva.
Per aumentare o mantenere standard di qualità elevati è importante servirsi di strumenti digitali che possano aiutare a svolgere questo tipo di monitoraggio.

Per scoprire come aumentare il livello di digitalizzazione della tua struttura ricettiva e differenziarti dalla concorrenza prenota una Live Demo gratuita e senza impegno.

Contattaci subito

Sono a tua completa disposizione per qualsiasi chiarimento sulle mie funzionalità.